SVIZZERA CONDANNA PER AMIANTO

IL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO HA CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER OMICIDIO COLPOSO GLI EX RESPONSABILI DELLA ETERNIT  PER AVERE ESPOSTO NEL 1972- 1973 , UNO STUDENTE, ALLORA ADOLESCENTE,  CINQUE SETTIMANE IN TUTTO, ALLE POLVERI DI AMIANTO.

L’EX ESPOSTO E’ MORTO A 47 ANNI PER MESOTELIOMA PLEURICO. AVEVA LAVORATO NELLA FABBRICA DI NIEDERURNEN (CANTONE DI GLARONA). QUEL BREVE PERIODO  GLI E’ STATO FATALE. LA SUA MANSIONE CONSISTEVA NELL’ELIMINARE CON UN NASTRO ABRASIVO GLI ANGOLI DEGLI AMMASSI DI AMIANTO, UN LAVORO CHE PROVOCA UN FORTE SPRIGIONAMENTO DI POLVERE.  NEL 2006 L’EX STUDENTE-OPERAIO  HA SOLLECITATO IL PAGAMENETO DI UN’INDENNITA’ BASATA, SECONDO LA LEGGE SVIZZERA, SULL’AIUTO ALLE VITTIME DEI REATI. NEL 2010 L’ISTANZA E’ STATA RESPINTA DAL TRIBUNALE CANTONALE DI GLARONA PERCHE’ A QUEI TEMPI LE CONSEGUENZE DELL’ESPOSIZIONE NON ERANO PREVEDIBILI.

IL TRIBUNALE FEDERALE SI E’ MOSTRATO DI DIVERSO PARERE: LE RICERCHE SCIENTIFICHE AVEVANO GIA’ DIMOSTRATO CHE NEL 1972 L’ESPOSIZIONE ALL’AMIANTO PUO’ PROVOCARE GRAVI E INGUARIBILI TUMORI. LA LEGGE DEL LAVORO DELL’EPOCA VIETAVA IL LAVORO PERICOLOSO PER I MINORI. PER QUESTO I RESPONSABILI DELLA ETERNIT SI SONO RESI COLPEVOLI DI OMICIDIO COLPOSO.

NON V’E’ DUBBIO CHE QUESTA SENTENZA   SIA STATA INFLUENZATA DAL PROCESSO DELLA ETERNIT DI TORINO DOVE GIA’ VI E’ STATA UNA CONDANNA PER IL RESPONSABILE PRINCIPALE DELLA ETERNIT, LO SVIZZERO STEPHAN SCHMIDHEINY; ANCHE SE, ALLO STATO ATTUALE,IN SVIZZERA, I REATI DI AMIANTO, IN GENERALE, NON DANNO LUOGO A CONDANNA, CAUSA LA BREVE PRESCRIZIONE.

SI ATTENDE, A QUESTO PROPOSITO,  PER GLI INIZI DEL 2014, IL PRONUNCIAMENTO DELLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO CHE FINALMENTE DOVREBBE  FARE GIUSTIZIA ANCHE IN SVIZZERA: CHE LA PRESCRIZIONE, IN SVIZZERA COME IN ITALIA PER I REATI DI OMICIDIO NEI LUOGHI DI LAVORO E NELL’AMBIENTE VENGA ELIMINATA.

DA LOSANNA, 30 DICEMBRE 2013

Associazione Italiana Esposti Amianto

Fulvio Aurora

 

Condividi: