PROCESSO FINCANTIERI MONFALCONE : CONDANNATI

Pene complessive per 110 anni 6 mesi di reclusione e risarcimenti danni per un totale di un milione e 370 mila euro. Questa la condanna inflitta dal Tribunale di Gorizia, giudice Nicola Russo, a 18 ex dirigenti dell’Italcantieri (oggi Fincantieri) di Monfalcone accusati di omicidio colposo per la morte di 44 lavoratori a causa dell’esposizione all’amianto.

Una condanna pesantissima, che va oltre agli ottant’anni e otto mesi chiesti dalla Procura della Repubblica. In sede extragiudiziale Fincantieri aveva liquidato le famiglie dei deceduti per un totale di 2,5 milioni di euro.Si chiude così, dopo 35 udienze, il secondo maxi processo amianto al Tribunale di Gorizia. Tra questo e il primo sono 130 le vittime dell’amianto del cantiere navale di Monfalcone.

La sentenza del secondo maxi processo e la condanna al risarcimento delle parti civili rende ancora più controversa la decisione della giunta comunale di Monfalcone, che alla vigilia della sentenza, ha revocato la sua costituzione in parte civile sulla base di un accordo raggiunto con Fincantieri che ha corrisposto al Comune un importo di appena140mila euro. Alla luce della sentenza il Comune di Monfalcone ci ha rimesso almeno 130mila euro.

Condividi: