PRESIDIO SOTTO MINISTERO LAVORO PER DECRETO VERGOGNA SU FONDO VITTIME AMIANTO

Successo della manifestazione di protesta, davanti alla sede del Ministero del Lavoro, effettuata dai sindacati e dalle associazioni delle vittime dell’Amianto, per ridiscutere l’indennizzo economico, Una Tantum, previsto nel Decreto Ministeriale, delle vittime civili e familiari dell’amianto e prolungare nel tempo l’erogazione dell’indennizzo.

Il Ministero del Lavoro, nella riunione tenutasi in mattinata con una delegazione formata dai sindacati e dalle associazioni, ha promesso che convocherà nelle prossime settimane un tavolo tecnico con la partecipazione dei sindacati e del CNA (coordinamento nazionale amianto) per verificare la disponibilità di risorse aggiuntive per far crescere l’attuale assegno di 5.600 euro ai malati e ai deceduti di mesotelioma per cause ambientali e familiari degli ex esposti amianto.

Il Ministero inoltre verificherà con la Direzione dell’Inail, la circolare esplicativa emanata in merito al suddetto beneficio che blocca la possibilità dell’adesione per coloro che sono già deceduti prima dell’entrata in vigore del Decreto Ministeriale, per la definizione di procedure più certe per garantire a tutti i malati e ai loro superstiti, il diritto dell’accesso all’indennizzo prendendo a riferimento il Decreto di Legge che riconosce tale diritto alle persone con diagnosi di mesotelioma o ai loro superstiti, a partire dal 1 gennaio 2015.

Alla manifestazione sindacale e delle Associazioni delle vittime per amianto hanno partecipato anche gli onorevoli Fabio Lavagno e Cristina Bargero e il senatore Daniele Gaetano Borioli parlamentari PD del Piemonte.

Il C.N.A. (coordinamento nazionale Amianto) nel quale sono raggruppati tutte le Associazioni e i Comitati Amianto, ritiene molto importante che il Ministero abbia riconosciuto l’opportunità e la necessità di un confronto diretto, con l’instaurazione di un tavolo tecnico, con le organizzazioni sindacali e le Associazioni delle vittime e esposti amianto, smentendo l’impostazione di chiusura degli uffici della direzione generale del Ministero.

 

 

Per il C.N.A (Coordinamento Nazionale Amianto)

Salvatore Nania e  Armando Vanotto

Roma, 11 novembre 2015

Si allega il link all’audio della trasmissione su Radio Articolo 1

Condividi: