COTTON CANDY> ASBESTOS FIBRES

 

COTTON CANDY >ASBESTOS FIBRES

Dialogo dell’assurdo fra:

una Fibra di Zucchero Filato (C.C) e una Fibra di Amianto (A.F)

Per l’azione performativa per: “Gli Chef entrano nei musei gli Artisti salgono in cucina”

 

–       “Ai musei gli chef!” urlò qualcuno dalla folla

–       “Le cucine agli artisti!” pronunciò qualcun altro dal fondo

e fu così che nell’era del gastrofighettismo diffuso la cucina tornò ad essere l’antro del vero alchimista, colui che ha la capacità di risanare la corruzione della materia e di ri-dare il giusto nome alle cose.

La Sostanza Alimentare tornò ad essere Nutrimento, il Nutrimento Nutriente, il Nutriente catalizzatore di Idee e Sentimenti… Sentimenti per il corpo ma anche per la mente!

–       A.F.: “Una fibra di amianto è 1300 volte più sottile di un capello umano”

–       C.C.: “Cosa c’entra?”

–       A.F.: “C’entra! Perché se tu vai al ristorante, o peggio ancora allo show coking in Triennale a Milano, se trovi un capello nel piatto ti arrabbi!! La fibra di amianto, paradossalmente, potresti trovarla molto più facilmente ma non l’avverti… è I.M.P.A.L.P.A.B.I.L.E.

–       C.C.: “… lo zucchero filato”

–       A.F.: “Cosa c’entra?”

–       C.C.: “C’entra! Si assomigliano. Non è I.M.P.A.L.P.A.B.I.L.E. ma lo diventa non appena lo assaggi”.

–       A.F.: “Che forma ha lo zucchero filato?”

–       C.C.: “Quella che vuoi dargli tu! Si riconosce per essere costituito da fibre sottili, lunghe, ricurve o ondulate”.

–       A.F.: “Si assomigliano”.

–       C.C.: “Cosa fa uno chef in un museo?”

–       A.F.: “L’artista?”

–       C.C.: “ e un artista in cucina?”

–       A.F.: “sempre l’artista?”

–       C.C.: “Dici che l’arte finalmente è diventata popolare?”

–       A.F.: “No! dico che oggi tutto il popolo vuole fare l’artista”

–       C.C.: “Dio salvi lo chef!”

 

Monica Scardecchia

 

 

 

 

Orto d’Artista dalla Semina al Raccolto: IL RACCOLTO.

Condividi: