BRONI:NO DISCARICA AMIANTO

Broni: finalmente si inizia a respirare un aria di ottimismo. Dopo la riunione in provincia dell’altro ieri martedì 7 Maggio,dove si è discusso come individuare un sito adatto ad una discarica di rifiuto speciale e pericoloso” come il cemento amianto”,seguendo già criteri richiamati dalla Regione Lombardia,si allontana sempre di più la possibilità,o meglio dire l’incubo, che possa sorgere una discarica nel centro di Broni. “Un passo davvero importante” dice Silvio Mingrino ”Il non permettere una discarica a Broni,paese che conta già centinaia e centinaia di vittime per patologie asbesto correlate,è una vittoria nostra,dei bambini e testimonianza di presa di coscienza e di responsabilità da parte delle istituzioni”. Il presidente A.V.A.N.I. esprime anche piena soddisfazione per il risultato ottenuto in Regione Lombardia; “Un grazie al Consigliere Villani per aver presentato la petizione firmata anche da me e dagli associati A.V.A.N.I. Domenica 28 Aprile,che pur essendogli stata apportata qualche modifica,è stata accettata all’unanimità del Consiglio Regionale” Continua il Presidente A.V.A.N.I. “ Ringrazio di cuore il Consigliere Regionale Angelo Ciocca per aver presentato la richiesta mia personale,sostenuta da tutti coloro che hanno problemi di patologie correlate all’asbesto,che riguarda l’esenzione totale del TICKET per chi deve sottoporsi a controlli periodici avendo contratto placche pleuriche o quant’altro si possa ricondurre al minerale killer. Certo sarebbe anche opportuno che la Regione si facesse carico,totalmente o in gran parte, delle spese di trasporto per chi,affetto da mesotelioma pleurico,si deve recare dalla propria residenza ad un centro di cure palliative per sottoporsi a chemioterapie. Oggi queste spese sono sostenute integralmente dai mal capitati.

Il Presidente A.V.A.N.I. Silvio Mingrino

Portalbera 8 Maggio 2013

Condividi: