AMIANTO OTTANA: AIEA E CGIL SI UNISCONO NELLA BATTAGLIA

CGIL E AIEA ONLUS INSIEME NELLA LOTTA ALL’AMIANTO: SI RIPARTE DA OTTANA

Schermata 2018-04-16 alle 13.58.26

La battaglia per il riconoscimento dei diritti passati, presenti e futuri dei lavoratori contaminati dall’amianto riparte da Ottana, simbolo dell’ascesa e del declino dello sviluppo industriale in Sardegna, il 14 aprile con l’incontro organizzato da Aiea Sardegna a cui hanno partecipato CGIL, le istituzioni regionali sarde , l’associazionismo , i lavoratori ex esposti e le vedove.

Una sala gremita di gente ha ascoltato per tre ore gli interventi sul tema salute e ambiente nella lotta all’amianto coordinati da Sabina Contu, presidente si Aiea Sardegna, che da 5 anni sta portando avanti una battaglia straordinaria  per i siti di Ottana e Assemini.

http://www.lanuovasardegna.it/regione/2018/04/15/news/l-appello-di-landini-prima-le-bonifiche-poi-la-riconversione-1.16719197

 

30698591_1889218591369735_7541915640668356608_nSabina Contu, Presidente Aiea Sardegna

ANSA

Da Ottana riparte la battaglia per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori contaminati dall’amianto nell’area industriale del centro Sardegna. Centinaia di persone tra lavoratori e sindaci del territorio hanno risposto all’appello dell’Associazione italiana esposti amianto (Aiea) e alla Cgil, riuniti oggi proprio ad Ottana per imprimere una svolta alla rivendicazione, che oggi ha una marcia in più. “Oggi chiediamo l’apertura di un tavolo prefettizio con la Prefettura di Nuoro e Cagliari per sollecitare con forza l’aggiornamento della relazione Contarp dell’Inail – hanno detto Sabina Contu e Maura Crudeli, dell’Aiea – chiediamo anche l’avvio immediato delle bonifiche. Qui ci sono stati 160 ex lavoratori morti per malattie da absesto correlate e devono essere riconosciuti alle vedove tutti i diritti”.

IMG-20180414-WA0035 (1)

Maurizio Landini CGIL, Maura Crudeli Presidente Aiea Onlus e Gianpaolo Liliu Associazione esposti amianto Oristano

Schermata 2018-04-16 alle 13.57.05

A sostegno della mobilitazione è sceso in campo uno dei leader nazionali della Cgil, Maurizio Landini, e il segretario regionale della Cgil Michele Carrus. “Bisogna fare in modo che le lotte portate avanti in questi anni per avere avere riconosciuti i diritti sanitari per gli ex lavoratori di Ottana siano portate a termine – ha detto Landini – così come il piano per bonificare il territorio. E’ importante che l’incontro di oggi si imponga anche al di fuori dell’isola perché questo venga considerato Sito di interesse nazionale con i benefici che ne devono derivare”.

Inoltre Landini auspica che ci sia un futuro dell’industria nel centro Sardegna: “bisogna trovare investitori e proseguire l’esperienza industriale – ha spiegato – ma è urgente partire dal problema legato alle bonifiche con una ampia visione per la costruzione di filiere produttive anche nel settore chimico. Per questo chiediamo il riconoscimento di Area di crisi complessa per poter ripartire”. La vertenza dell’Aiea va avanti dal dicembre 2015 quando è stato presentato un esposto alla procura della Repubblica per gli ex lavoratori morti con patologie tumorali.

Intervento di FRANCESCO TOLU

Relazione assemblea AIEA

VIDEOLINA SERVIZIO TV

http://www.unionesarda.it/multimedia/articolo.aspx?id=718925

30707901_10215517883090642_7600155019338196609_n30714666_1889218598036401_5508412556324110336_n

Schermata 2018-04-16 alle 10.44.50

Condividi: