AIEA E MUNICIPIO I ROMA FIRMANO UNA CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE



LOTTA ALL’AMIANTO: AIEA ONLUS (ASSOCIAZIONE ITALIANA ESPOSTI AMIANTO) E MUNICIPIO I ROMA FIRMANO UNA CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE E SCENDONO IN PIAZZA

Il 30 maggio AIEA ONLUS e MUNICIPIO ROMA I hanno presentato alla stampa e ai cittadini romani la Convenzione di Collaborazione sul fronte Amianto e l’apertura di uno Sportello Amianto on line nel Municipio Roma I. All’iniziativa aderiscono anche i sindacati CGIL, CISL e UIL di Roma e del Lazio, Legambiente Lazio e ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro).

 

Il 30 maggio 2014 alle ore 10.00 presso PIAZZA FARNESE l’Associazione Onlus AIEA e l’amministrazione del MUNICIPIO ROMA I si sono trovati in piazza per sensibilizzare la cittadinanza sul fronte amianto, comunicare l’apertura dello Sportello on line presso il Municipio e le altre azioni che verranno messe in campo nei prossimi mesi.

All’iniziativa hanno aderito anche i sindacati CGIL, CISL e UIL di Roma e del Lazio, Legambiente Lazio e ANMIL.

Vestiti con tute bianche e mascherine i responsabili AIEA LAZIO, l’amministrazione del Municipio I, i rappresentanti dei Sindacati, di Legambiente e i volontari di Aiea Onlus si sono trovati a Piazza Farnese per incontrare la stampa e muoversi poi nelle più importanti piazze del centro storico, distribuendo materiale informativo sulla questione amianto e per comunicare l’apertura dello Sportello on line.

L’amianto continua ad uccidere più di 4000 persone all’anno e i numeri sono in crescita. Si può confermare una stima della presenza complessiva di MCA nel Lazio pari a quasi 1.000.000 tonnellate di materiali contenenti amianto ancora in uso e dal 2001 al 2011 nel Lazio sono stati registrati 791 casi di mesotelioma (di cui 559 casi riferiti a uomini e 232 casi a donne di cui 16 casi nel Municipio I) dei quali dal COR è documentato il rapporto con l’esposizione all’amianto.

Le fibre killer se respirate possono provocare malattie croniche e anche patologie tumorali.Per non morire d’amianto bisogna sapere cosa è, dove si trova e come eliminarlo correttamente. La salute è un diritto di tutti e i morti d’amianto non sono solo persone che hanno lavorato con la fibra ma anche semplici cittadini esposti ambientalmente.

Per questo Aiea Onlus e il Municipio Roma I aprono uno sportello amianto on line dove i cittadini potranno chiedere informazioni e avvalersi, in caso di eventuale  rimozione di manufatti contenenti amianto, di alcune ditte che registrate in apposito albo, garantiranno costi calmierati.

Per il primo anno, lo sportello sarà on line a cura dell’A.I.E.A. con possibilità di incontri con i cittadini che ne faranno richiesta. Per la valutazione di patologie correlate all’amianto è prevista assistenza e supporto presso le Asl competenti per gli esposti o ex esposti.

Uno dei primi obiettivi di questa Convenzione sarà una mappatura del territorio con conseguente rilevazione di situazioni di pericolo per la salute dei cittadini.

Inoltre nelle linee programmatiche del Municipio e’ prevista l’adozione di un Kit di autorimozione per smaltire piccoli quantitativi di amianto.

Prevista anche una campagna di sensibilizzazione sul territorio e nelle scuole per informare sulla pericolosità della fibra e presso gli studi medici di base del Municipio I per avviare un censimento delle patologie asbesto-correlate

PER ACCEDERE ALLO SPORTELLO AMIANTO:

http://www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?contentId=NEW633886&jp_pagecode=newsview.wp&ahew=contentId:jp_pagecode

 

Condividi: