LA CITTA’ BIANCA: IL CINEMA RACCONTA CASALE MONFERRATO

Immagine20-620x345

Durante la seconda guerra mondiale i piloti britannici e statunitensi che sorvolavano il nord dell’Italia e vedevano sotto di loro una distesa bianca sapevano di essere sopra Casale Monferrato, anche noto come “La città bianca”. I tetti delle case, infatti, erano bianchi a causa della polvere d’amianto prodotta dallo stabilimento della Eternit, aperto in città nel 1916.

I VAJONT D’ITALIA

10154055_10152340992357296_573206363_n

I Vajont è un video-racconto ideato e scritto dalla giornalista Lucia Vastano, girato da Maura Crudeli e Federico Alotto con il sostegno di Medicina Democratica e Aiea Onlus, Associazione Italiana Esposti Amianto. Le prime 4 storie da cui siamo partiti in questo lungo viaggio sono solo le prime tessere di questo mosaico. 4 brevi pillole-video vi introdurranno nei Vajont d’Italia.

PROCESSO ETERNIT BAGNOLI

bagnoli-sequestro-area-630x421

La responsabilità del manager svizzero Stephan Schmidheiny va ravvisata anche per gli stabilimenti Eternit di Napoli-Bagnoli e Rubiera, considerata prescritta nella sentenza di primo grado, perché «esattamente come negli altri due siti di Cavagnolo e di Casale Monferrato, il fenomeno epidemico costituito dall’eccesso dei casi rilevati rispetto a quelli attesi, è attualmente ancora in corso».